fbpx

Candele e buoni propositi

Cosa c’entrano?

In effetti niente. Se non che penso siano anni che cerco di dare inizio all’abitudine di accendere candele profumate in giro per casa. Poi, alla fine, non lo faccio mai.

Sì, perché nel tempo ne ho collezionate alcune, una più buona dell’altra devo dire, ma stanno lì chiuse negli armadi. E vanno bene anche lì, tutto sommato.

Tuscany candle Mandarin Berry 14OZ

Questa, per esempio mi è stata regalata non so neanche quanti anni fa. Il profumo è buonissimo (adoro agrumi e frutti rossi), ma non l’ho mai accesa.

So anche che è di un brand top per le candele (lo paragoniamo alle yankee? Non lo so, non sono esperta) e sembra che non costino neanche troppo.

Comunque, qual è il mio problema? Primo, sono totalmente incapace di gestire una fiamma viva, potrei non sentirmi al sicuro e dovermi proteggere da me stessa.

Secondo, questa candela nello specifico mi è stata data con delle istruzioni precise, come lasciarla accesa per almeno 4 ore, tagliare lo stoppino in eccesso (o qualcosa del genere, non me lo ricordo più) e altre cose riguardo a tenerla accesa abbastanza da fare in modo che la cera si sciolga nel modo giusto… Insomma, roba così.

Troppo sbattimento, sinceramente. Poi io ho questa fobia immotivata, per cui immagino sempre che, lasciando candele accese in giro, i miei gatti finiranno col prendere fuoco. Sono esagerata? Sicuramente.

Dall’altra parte, la luce, i profumi, l’ambiente che creano. Solo a pensarci mi rilasso… E sì, avrei proprio bisogno di rilassarmi.

Per questo mi piacerebbe prendere l’abitudine di accenderne una, ogni tanto. Almeno per usare quelle che ho già.

Magari, se qualcuno di voi le usa, mi potreste aiutare dicendomi (potete anche mentire, grazie) che sono totalmente sicure per gli animali e che non serve stare lì a cronometrare da quanto tempo sono accese. Grazie.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: